NEWS

Beirut: presto beato il patriarca Douayhi, primo storico della Chiesa maronita

Il card Beshara Raï ha firmato il rapporto dei medici, che…

La Chiesa ortodossa ucraina, dopo due anni di autocefalia

Festa a Kiev al ricordo del riconoscimento concesso da Bartolomeo…

In cammino con l’islam sulla strada del dialogo

Il simun soffia caldissimo. L’aria è bollente. La sabbia infuocatasi solleva e…

IL DOVERE PRIMARIO DEL DIALOGO

Nel quadro del tradizionale scambio di delegazioni per le rispettive…

BUSSOLA PER LE RELAZIONI CON LE ALTRE CHIESE E CONFESSIONI

Una guida, una bussola, un compagno di viaggio, per «il…

PARIGI, ACCORDO TRA ORTODOSSI GRECI E RUSSI. MOSCA E COSTANTINOPOLI PIÙ VICINE

Lo hanno firmato il metropolita di Dubna Ioann, che risponde…

L'Osservatorio è un organismo di studio del variegato mondo delle religioni nella società contemporanea, nato a inizio 2015 a Bologna, per iniziativa di Giuseppe Ferrari e Pino Lucà Trombetta. Attraverso accordi di partenariato con università e centri di ricerca, che si uniscono al progetto, esso intende fornire una mappa aggiornata, relativamente ad alcune aree del territorio italiano, verificando e approfondendo periodicamente i dati e mettendo in luce i cambiamenti del panorama religioso.

Obiettivo dell'Osservatorio è quello di fornire, attraverso la mappatura e lo studio delle singole realtà, la base per un dialogo interreligioso e interculturale che consenta di vivere la diversità come arricchimento reciproco. L’Osservatorio servirà anche a scambiare informazioni, contatti e a promuovere iniziative comuni.
Le schede delle diverse aggregazioni sono divise per regione e strutturate in sei categorie. Cliccando sui link, nel menù laterale, comparirà l’elenco delle sotto-categorie e, da qui, delle singole aggregazioni. Ad ognuna è dedicata una scheda indicante le principali caratteristiche (luogo, orientamento religioso, partecipazione, leadership, ecc.) e i contatti cui potersi rivolgere.
È anche possibile visualizzare l’intero schema della classificazione, sia in maniera descrittiva che grafica.
A questo si aggiunge un database di tesi di laurea e dottorato, sui temi dell'Osservatorio, contenente gli abstract e i contatti degli autori.