OSSERVATORIO SUL

PLURALISMO RELIGIOSO

NEWS
Per una mistica della fraternità attraverso la spiritualità 5° Incontro dei delegati nazionali per i rapporti con i musulmani in Europa
19/02/2018
In Albania, Paese che fino a trent’anni fa era dichiarato Stato ateo, le religioni oggi vivono...
19/02/2018
Proponiamo l’intervento del pastore Luca Maria Negro andato in onda ieri mattina, domenica 18 febbraio,...
70° anniversario del Wcc. Welby: per una ecclesiologia dai “confini aperti”, le chiusure sono “un fallimento”
19/02/2018
Cerimonia a Ginevra per il 70° anniversario del Consiglio mondiale delle Chiese. Era il 23 agosto...
19/02/2018
Concluso a Scutari il 5° incontro dei delegati nazionali delle conferenze episcopali europee per...
Santa Sede: inserire diritto a libertà religiosa nel Global Compact sui rifugiati
19/02/2018
Apprezzamento dalla Delegazione della Santa Sede per la bozza del Global Compact sui rifugiati. Mons....
Il dialogo e la pace passano attraverso le matite dei bambini
08/02/2018
1500 bambini di tre diversi continenti disegnano sugli stessi fogli le loro città e i luoghi di...
Card. Tauran: superare stereotipi e pregiudizi tra cristiani e musulmani
08/02/2018
E' doveroso scongiurare una ingiusta equiparazione tra islam e violenza: a raccomandarlo è il card....
WCC encourages churches to work for Interfaith Harmony
05/02/2018
At the beginning of the World Interfaith Harmony Week the General Secretary of the World Council of Churches...
HHS Announces New Conscience and Religious Freedom Division
25/01/2018
L'amministrazione statunitense annuncia la creazione di una nuova divisione all'interno del Dipartimento...
Anglicani e metodisti inglesi verso l’unità?
25/01/2018
Il prossimo sinodo della Chiesa d’Inghilterra voterà su una possibile stretta collaborazione,...

"

L'Osservatorio è un organismo di studio del variegato mondo delle religioni nella società contemporanea, nato a inizio 2015 a Bologna, per iniziativa di Giuseppe Ferrari e Pino Lucà Trombetta. Attraverso accordi di partenariato con università e centri di ricerca, che si uniscono al progetto, esso intende fornire una mappa aggiornata, relativamente ad alcune aree del territorio italiano, verificando e approfondendo periodicamente i dati e mettendo in luce i cambiamenti del panorama religioso.
Obiettivo dell'Osservatorio è quello di fornire, attraverso la mappatura e lo studio delle singole realtà, la base per un dialogo interreligioso e interculturale che consenta di vivere la diversità come arricchimento reciproco. L’Osservatorio servirà anche a scambiare informazioni, contatti e a promuovere iniziative comuni.
Le schede delle diverse aggregazioni sono divise per regione e strutturate in sei categorie. Cliccando sui link, nel menù laterale, comparirà l’elenco delle sotto-categorie e, da qui, delle singole aggregazioni. Ad ognuna è dedicata una scheda indicante le principali caratteristiche (luogo, orientamento religioso, partecipazione, leadership, ecc.) e i contatti cui potersi rivolgere.
È anche possibile visualizzare l’intero schema della classificazione, sia in maniera descrittiva che grafica.
A questo si aggiunge un database di tesi di laurea e dottorato, sui temi dell'Osservatorio, contenente gli abstract e i contatti degli autori. 

"

Emilia-Romagna
02/12/2015
02/12/2015
02/12/2015
02/12/2015
Lazio
Lombardia
Piemonte
Le schede sono visionabili collegandosi al sito Osservatorio pluralismo religioso con sede a Torino, al seguente link: www.pluralismoreligioso.it
Sicilia
Toscana
16/08/2017
16/08/2017
16/08/2017
16/08/2017
SCHEMA CLASSIFICAZIONE
AREA RISERVATA AI RICERCATORI
In questo spazio si trovano i dati inseriti dai ricercatori dei diversi enti partecipanti al progetto, tratti sia dal monitoraggio effettuato sia dai questionari somministrati ai rappresentanti delle diverse aggregazioni religiose.
ACCEDI ALL'AREA