OSSERVATORIO SUL

PLURALISMO RELIGIOSO

NEWS
17/11/2017
L’evento si chiama “Aawaz Program”, cioè “voce e responsabilità”....
17/11/2017
Sono sei gli itinerari per «percorrere insieme la via della non violenza» suggeriti dal cardinale...
Al via il sinodo della Chiesa evangelica in Germania
13/11/2017
Bedford-Strohm, presidente dell’Ekd: «la festa per i 500 anni della Riforma sfida vinta. Ora...
The Future of Europe: a value-based and effective Union
13/11/2017
Senior Christian, Jewish, Hindu, and Mormon leaders gathered for the 13th annual high-level meeting with...
During Geneva Peace week, panel explores role of religion in preventing violence
13/11/2017
As the “city of peace” observed Geneva Peace Week from 6-10 November, a special panel discussion...
Grande Imam di al-Azhar: dopo incontro con Papa, a colloquio con Riccardi
13/11/2017
“Oriente e Occidente: dialoghi di Civiltà”: a confrontarsi ieri a Roma il Grande...
Geopolitica e religioni a Trieste
24/10/2017
Mercoledì 25 ottobre si terrà a Trieste un importante incontro dedicato al Dossier che l’Unione...
Il Marocco formerà i musulmani italiani ad Arezzo
24/10/2017
L’università Qarawiyyin e quella di Siena hanno firmato un accordo: un corso in arabo preparerà...
Incontro dei vescovi cattolici orientali d’Europa
24/10/2017
L’incontro annuale dei vescovi cattolici orientali d’Europa si svolge quest’anno a...
World Conference of Religions for Peace
19/10/2017
Dall'Osservatore Romano del 19 Ottobre, il discorso del Pontefice ai delegati del World Conference of...

"

L'Osservatorio è un organismo di studio del variegato mondo delle religioni nella società contemporanea, nato a inizio 2015 a Bologna, per iniziativa di Giuseppe Ferrari e Pino Lucà Trombetta. Attraverso accordi di partenariato con università e centri di ricerca, che si uniscono al progetto, esso intende fornire una mappa aggiornata, relativamente ad alcune aree del territorio italiano, verificando e approfondendo periodicamente i dati e mettendo in luce i cambiamenti del panorama religioso.
Obiettivo dell'Osservatorio è quello di fornire, attraverso la mappatura e lo studio delle singole realtà, la base per un dialogo interreligioso e interculturale che consenta di vivere la diversità come arricchimento reciproco. L’Osservatorio servirà anche a scambiare informazioni, contatti e a promuovere iniziative comuni.
Le schede delle diverse aggregazioni sono divise per regione e strutturate in sei categorie. Cliccando sui link, nel menù laterale, comparirà l’elenco delle sotto-categorie e, da qui, delle singole aggregazioni. Ad ognuna è dedicata una scheda indicante le principali caratteristiche (luogo, orientamento religioso, partecipazione, leadership, ecc.) e i contatti cui potersi rivolgere.
È anche possibile visualizzare l’intero schema della classificazione, sia in maniera descrittiva che grafica.
A questo si aggiunge un database di tesi di laurea e dottorato, sui temi dell'Osservatorio, contenente gli abstract e i contatti degli autori. 

"

Emilia-Romagna
02/12/2015
02/12/2015
02/12/2015
02/12/2015
Lazio
Lombardia
Piemonte
Le schede sono visionabili collegandosi al sito Osservatorio pluralismo religioso con sede a Torino, al seguente link: www.pluralismoreligioso.it
Sicilia
SCHEMA CLASSIFICAZIONE
AREA RISERVATA AI RICERCATORI
In questo spazio si trovano i dati inseriti dai ricercatori dei diversi enti partecipanti al progetto, tratti sia dal monitoraggio effettuato sia dai questionari somministrati ai rappresentanti delle diverse aggregazioni religiose.
ACCEDI ALL'AREA